.
Annunci online


<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

The Out Campaign: Scarlet Letter of Atheism

Sono ateo e faccio coming out.


1) L'uomo è un animale politico (Aristotele di Stagira).

2) Sivio Berlusconi è un uomo (Aida Yespica).

3) Silvio Berlusconi non è un politico (Silvio Berlusconi).

4) Silvio Berlusconi è solo un animale (Meslier).


Sillogismo berlusconiano di Meslier (riflessione in margine ad un incontro dell'ex premier con i neofascisti).
___________________

Questo l'ho fatto io!


Image Hosted by ImageShack.us
_______________________

Il sogni della mia ragione:

- "Quando si sta male, niente di meglio che ridere delle disgrazie altrui".

- "Quando avevo circa diciotto anni ho avuto una crisi mistica. Poi ho preso una tachipirina e per fortuna tutto è passato".

- "Spesso essere educati fa app
arire stupidi. Io stronzo lo sono di certo, ma maleducato no!".
L'angolo dell'aforismO di openspace
____________

- "Quando elemosinano visite e commenti sui blog; questo si chiama giornalismo porta a porta."

- "Se fai un post che ritieni ottimo, nessuno lo commenterà; se fai un post inutile, lo commenteranno in pochi; se fai un post mediocre, sarà un successo".
Osservazioni di Openspace sulle realtà del blog contemporaneo.


 

Diario |
 
Diario
166298visite.

23 giugno 2012

Massime di vita.

"Dipende sempre tutto dal sistema di riferimento".
Sarà la mia massima di vita per tutta la parte finale di giugno, se mi troverò bene potrei adottarla anche per periodi più lunghi.
Se invece non dovesse andar bene (ma visto che dipende sempre tutto dal sistema di riferimento mi pare difficile) la sostituirò con "se non mi ammazza me la suca".


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. massime di vita ritorni

permalink | inviato da openspace il 23/6/2012 alle 22:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

22 aprile 2012

Odissea

Piccolo mio lavoretto fatto per la recita dei bimbetti di mia madre. Immaginare ipotetiche figurine per descrivere i personaggi dell'odissea è stato davvero divertente e mi fa molto piacere condividerlo con i pochissimi lettori rimasti di questo blog.



[a questo indirizzo la stessa immagine, ma più grande: http://www.imagebam.com/image/f1a6a8186357879]

Bello tenere questo posto nuovamente in vita con un post valido.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. odissea ritorni

permalink | inviato da openspace il 22/4/2012 alle 22:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

29 novembre 2011

La dura vita dell'architetto. (1)

A Favignana il 27 novembre. Quando passo giornate come quella sono davvero contento del percorso di studi che ho fatto




permalink | inviato da openspace il 29/11/2011 alle 21:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

13 giugno 2011

A me fa pure simpatia


Ma che fine ha fatto Escherichia Coli? Era così un bel tipino... Imprevedibile!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Escherichia Coli simpatia

permalink | inviato da openspace il 13/6/2011 alle 11:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

7 maggio 2011

Pochi semplici ingredienti.

Due ruote (ma alcuni riescono anche con una sola), due pedali, un telaio, una catena e due ingranaggi. Fine.

Una bicicletta, in estrema sintesi, è fatta di questo. Mai nella storia la soluzione a così tanti problemi è stata fatta di così pochi elementi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. la bicicletta mobilita l'uomo

permalink | inviato da openspace il 7/5/2011 alle 22:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

17 aprile 2011

Macchina del tempo

Sabato 16 Aprile 2011


Da qualche parte nelle campagne tra Gibellina, Salemi e Salaparuta o giù di lì: un po' di fuoco, qualcosa da metterci sopra, vinello, formaggio, ricotta e pane. Nel frattempo si cantavano "o cara moglie", "l'avvelenata", "la locomotiva", "contessa" e altre amenità. Si poteva benissimo essere trenta anni prima e non sarebbe cambiato molto.




permalink | inviato da openspace il 17/4/2011 alle 12:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

12 aprile 2011

In attesa di tempi migliori

Vaffanculo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Poche parole di chiarezza

permalink | inviato da openspace il 12/4/2011 alle 11:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

19 marzo 2011

Sul parere esperto nei processi decisionali.

"Gli esperti dicono che una seconda Chernobyl è possibile solo come conseguenza di una catena lunghissima di errori umani".

Stare da una settimana a seguire i capricci atomici di una centrale nucleare in Giappone che rischia di saltare in aria come pop corn e di far saltare in aria mezzo Giappone rende l'idea di quanto, in realtà, il parere degli esperti sia molto relativo.
E ciò per due ordini di ragioni.

Il primo riguarda l'incertezza (o, meglio, la non assoluta certezza) insita naturalmente nel sapere scientifico. Se mai sentirete uno scienziato dire di essere assolutamente sicuro della sua teoria, della correttezza dei suoi calcoli e della accuratezza della sua previsione, beh, potete (e dovreste) iniziare a dubitare sia della teoria che dello scienziato stesso. Ammesso che le simulazioni in laboratorio possano essere perfettamente controllate, il mondo reale è talmente pieno di variabili che nessuno può prevedere sempre ed esattamente cosa segue ad un determinato evento. Certo, se do un calcio ad una palla è facile anche per me prevedere che la palla si sposterà, ma non appena il sistema analizzato si fa più complesso (e le centrali nucleari sono tra le cose più complesse che l'uomo abbia mai costruito) ecco che diventa più complicato prevedere tutto e preventivamente mettersi al riparo da tutti i rischi. Il primo grande esperimento al nuovo acceleratore di particelle del CERN a Ginevra, quello che secondo alcuni avrebbe potuto generare un buco nero in grado di inghiottire la Terra stessa per intenderci, si è interrotto sul più bello perchè un piccione ha avuto la magnifica idea di arrostirsi su un filo elettrico di un marchingegno da qualche parte. So benissimo che in questo caso non si è trattato di un piccione, ma di un'onda di dimensioni e potenza inaudite, ma è facile intuire che l'imprevisto è sempre dietro l'angolo e che, da solo, il parere degli esperti non può essere decisivo per una scelta che mette in ballo così tanti soldi e, soprattutto, così tante vite (umane e animali).

Il seccondo ordine di ragioni riguarda invece non tanto la relativamente astratta incertezza della scienza, quanto piuttosto la non estraneità dell'esperto rispetto alla società che lo circonda. Sarebbe da stupidi, oltre che estremamente pericoloso, considerare lo scienziato come un essere etereo, infallibile e ininfluenzabile rinchiuso nella sua torre d'avorio a studiare i segreti dell'ordine naturale delle cose. Lo scienziato (ammettendo anche che non esista un dibattito scientifico, e che quindi siano sempre concordi) non è fuori dalla società, ma ne è parte integrante. Non si può far finta che il giudizio del cosiddeto "esperto" sia scevro da interferenze e risponda sempre e solo a verità e moralità; è ovvio che se il tuo finanziatore è un'agenzia per lo sviluppo atomico ci pensi settanta volete di più prima di dire che l'energia nucleare non va bene, come anche un tecnico incaricato di stabilire la realizzabilità o l'ooportunità di un intervento di miliardi di euro (penso al ponte sullo stretto o alla TAV, per esempio) ci penserà parecchio di più in caso di parere negativo.

Ciò vuol dire che il sapere scientifico non serve? Che è nella migliore delle ipotesi di parte se non addirittura sbagliato? No, non ho detto questo. Semplicemente osservo che finchè il dibattito sarà portato avanti a colpi di super-perizie sempre più tecniche e specifiche la situazione non si sposterà molto dallo stallo attuale. Ritengo invece che il sapere scientifico può e deve assumere un ruolo centrale nelle scelte, ma che per farlo deve liberarsi dalla sua presunta aurea di purezza: una volta sgomberato il campo da espressioni del tipo "la scienza dice che" oppure "i tecnici hanno deciso" e internalizzando nel processo decisionale i naturali contrasti tra pareri tecnici si potrà avviare un dibattito veramente proficuo.

9 marzo 2011

Punti fermi.



Se anche Diners Club, la rivista che arriva ai possessori di Diners, snobbando auto, aerei extralusso e alberghi ultratecnologici in capo al mondo, fa la copertina con una bicicletta è evidente, non ci sono più scuse e non possono esserci altre storie:

Bisogna pedalare!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rivoluzione a due ruote

permalink | inviato da openspace il 9/3/2011 alle 18:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

24 febbraio 2011

Marchette.

A me, me piace. Anche se non sono solito fare pubblicità ad altri blog, ma in questo caso il diretto interessato non lo sa.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. marchette

permalink | inviato da openspace il 24/2/2011 alle 21:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile